Tag: inail

Comunicazione all’INAIL dei dati dell’organismo incaricato delle verifiche sull’impianto di terra

Il decreto milleproroghe 2019 con l’art. 36 ha introdotto important modifiche al DPR 462/2001con l’inserimento dell’art 7 bis.

 Art. 36 
 
                       Informatizzazione INAIL 
 
  1. Al decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre  2001,  n.
462, dopo l'articolo 7 e' aggiunto il seguente: 
    «Art. 7-bis (Banca dati informatizzata, comunicazione all'INAIL e
tariffe). - 1. Per  digitalizzare  la  trasmissione  dei  dati  delle
verifiche, l'INAIL predispone  la  banca  dati  informatizzata  delle
verifiche. 
  2. Il datore di lavoro comunica tempestivamente all'INAIL, per  via
informatica,  il  nominativo  dell'organismo  che  ha  incaricato  di
effettuare  le  verifiche  di  cui  all'articolo  4,   comma   1,   e
all'articolo 6, comma 1. 
  3. Per le verifiche di cui all'articolo 4, comma 1, e  all'articolo
6, comma 1, l'organismo che e' stato incaricato  della  verifica  dal
datore di lavoro corrisponde all'INAIL una quota, pari al 5 per cento
della tariffa definita dal decreto di cui al  comma  4,  destinata  a
coprire i costi legati alla gestione ed al mantenimento  della  banca
dati informatizzata delle verifiche. 
  4. Le tariffe per gli obblighi di cui all'articolo 4,  comma  4,  e
all'articolo 6,  comma  4,  applicate  dall'organismo  che  e'  stato
incaricato della verifica dal datore di lavoro, sono individuate  dal
decreto del presidente dell'Istituto superiore per la  prevenzione  e
la sicurezza del  lavoro  (ISPESL)  7  luglio  2005,  pubblicato  sul
supplemento ordinario n. 125 alla Gazzetta Ufficiale n.  165  del  18
luglio 2005, e successive modificazioni.». .

Se il decreto venisse trasformato in legge senza modifiche entro 60 giorni dall’entrata in vigore, il nuovo art 7 bis introdurrebbe una serie di importanti novità (già in vigore):

  • istituisce una banca dati anche per la gestione delle verifiche degli impianti di terra;
  • obbliga il datore di lavoro a comunicare tempestivamente per via informatica il nominativo dell’organism incaricato delle verifiche stesse;
  • l’organismo che effettua la verifica dovrà corrispondere il 5% all’INAIL;
  • gli importi applicati dagli organismi che effettuano le verifiche saranno quelli previsti dal Decreto 7 luglio 2005 (tariffario ISPESL);

Per la comunicazione verrà attivata un’apposiva procedura sul sito INAIL nel portale CIVA, nel frattempo potrà essere utilizzata la comunicazione via PEC mail con apposito modulo scaricabile dal sito INAIL.